venerdì 9 dicembre 2011

PRESEPIO 2011

anche quest'anno è arrivato il giorno dei preparativi natalizi, dopo le luminarie sui balconi è toccato all'albero di Natale e al presepio, mia grande passione.... ^_^
Quest'anno mi sono limitato alle statuine e dopo un mese di lavoro sono riuscito a costruirne una decina, ora finalmente il presepio è affollato quanto basta



..........naturalmente , la prima parte della giornata è stata dedicata alla posa della scenografia, si tratta di quattro pezzi che incastrati tra loro ricostruiscono un piccolo cortile che ospiterà le statuine , la tecnica per costruire le statuette è sempre la stessa descritta nei post precedenti, cioè quella delle statuine da pochi centesimi.
In un qualsiasi centro commerciale ho acquistato delle statuine della dimensione e la forma voluta, poco importa se sono fatte bene o male, l'importante è che abbiano una forma particolare, una volta arrivato a casa, con un piccolo taglierino, ho tagliato tutti particolari lasciando la statuetta nuda per poi rivestirla con tessuti colorati riciclati qua e là......


..... la scelta dei costumi è lasciata alla fantasia , qualche volta seguo fedelmente la ricostruzione storica dell'epoca, come ho fatto per il legionario romano, altre volte mi sono lasciato guidare dalla fantasia mano a mano che realizzavo il figurino.
Quando tutto sembrava pronto, l'illuminazione ha fatto i capricci, negli anni passati mi ero limitato ad utilizzare le lucine che vengono solitamente usate per le camerette dei bambini. 
Tale scelta è stata motivata dal piccolo ingombro e dalle basse temperature sviluppate, il guaio è che la luce prodotta è veramente poca. Quest'anno ho risolto il problema con due piccole lampadine a basso consumo energetico, consumano poco (9 watt)  non scaldano troppo ed illuminano come una tradizionale lampadina da 25 watt.

Purtroppo la qualità della foto non mostra molto, ma è sufficiente a dare un'idea della luminosità raggiunta
nelle immagini sottostanti l'illuminazione è ancora garantita dalle  luci di vecchio tipo, l'anno prossimo proverò qualcosa di nuovo per risolvere anche questo problema.......


.....e il problema non è di facile soluzione, infatti lo spazio a disposizione è veramente poco per inserire una normale lampadina, ho visto su alcuni cataloghi  dei grossi led molto luminosi, l'anno prossimo farò qualche ricerca approfondita nella speranza di trovare qualcosa che dia una buona luminosità mantenendo dimensioni e consumi ridotti al minimo
..... ora una breve carrellata di foto.....




..... il presepio è un pò l'immagine della nostra storia, rappresentare la nascita di un bambino ebreo in un villaggio della Palestina controllato dalle truppe romane, non è poi molto diverso dalla situazione attuale . 
Ancora oggi su quei territori convivono ebrei e palestinesi controllati da forze militari dell'ONU , quindi la storia si ripete da sempre e come da sempre, nella tradizione italiana il presepio è parte fondamentale , facciamo i nostri presepi salvaguardiamo le nostre tradizioni e se qualcuno sostiene che in fondo è solo una favola, potrete sempre dire che la vostra rappresentazione è la voglia  di tornare bambini giocando per un'attimo con dei pupazzetti e delle casette di legno come fecero i nostri genitori , i nostri nonni e chi venne prima di loro, perchè in fondo , la magia del Natale è anche questo, regalarci un pizzico di serenità che credevamo di aver preso con la fanciullezza.
Buon Natale

giovedì 8 dicembre 2011

GASOLIO FATTO IN CASA

curiosando nel web.........
BIODIESEL fatto in casa
Che cosa è
La prima volta che ho sentito parlare del biodiesel è stato qualche anno fa alla televisione.
Era uno di quei documentari in cui si presentano fonti di energia alternative pulite; si parlava di combustibile ricavato dai semi di girasole e di sperimentazione sui mezzi pubblici.
Avevano fatto anche cenno alla possibilità di coltivare terreni poco redditizi a piante oleaginose da cui estrarre l’olio da cui ottenere il carburante.
La cosa che più mi aveva stupito era stato un gesto dimostrativo del personaggio intervistato:
aveva messo due dita nel barattolo di biodiesel, in primo piano, e se le era portate alla bocca!
Se lo avessi fatto con del gasolio comune avrei tossito per un bel po” erano state le sue parole.
Poi non ne ho più saputo nulla per diversi anni; evidentemente certe cose non vengono pubblicizzate troppo, forse per questioni di interessi economici o perché era meno radicata e presente nelle amministrazioni pubbliche l’idea di usare fonti di energia meno inquinanti.
Qualche mese fa ho scoperto che alcuni temerari alimentavano vetture a gasolio con olio di semi, in quanto ha caratteristiche abbastanza simili al gasolio e può lubrificare meglio la pompa di iniezione. Inoltre costa meno e bruciando produce molte meno emissioni inquinanti. Eureka!
Mi sono documentato al riguardo, e in effetti ho scoperto che il caro vecchio Rudolf Diesel, inventore del motore omonimo, aveva pensato a questo sistema prima dell’avvento del petrolio (erano i primi anni del ‘900). Egli aveva utilizzato come combustibile olio di arachidi e ne aveva auspicato la coltivazione in terreni altrimenti inutilizzabili, per poter alimentare questo motore da lavoro.
Ahimè le cose poi sono andate come sappiamo, e ho anche potuto constatare che l’evoluzione dei moderni motori diesel non è sempre compatibile con il propellente vegetale usato in origine.
Ho letto alcune “discussioni virtuali” a riguardo e non tutti i motori gradiscono un carburante molto più denso del gasolio comune (dai 2/6 cSt del gasolio si passa ai 70/80 cSt dell’olio di semi!).
L’unico modo di riportarlo a valori di densità paragonabili al gasolio è una reazione di transesterificazione (ossia di trasformazione di un estere in un altro estere) che spezzi le molecole dei trigliceridi che compongono l’olio in catene più piccole e quindi più fluide.
Ed ecco il biodiesel, all’anagrafe EMV (Estere Metilico Vegetale), nuovo combustibile pulito, rinnovabile e ad effetto serra nullo (ributta in aria la CO2 usata dalle piante per produrre l’olio).
Un po’ di chimica
Per fare chiarezza sui termini che ho usato, gli esteri non sono molecole che provengono da oltreconfine (passatemela) ma semplicemente una specie chimica che si forma dall’unione di un alcool con un acido grasso.
Gli acidi grassi sono a loro volta molecole tutto sommato molto simili agli idrocarburi a lunga catena presenti nei distillati di petrolio.
I trigliceridi sono esteri formati da una molecola di glicerina (che è un trialcool) e da tre acidi grassi.
Quindi va da se che è una molecola piuttosto grande rispetto a quelle lineari degli idrocarburi, bisognerebbe spezzettarla, eliminando la glicerina e attaccando gli acidi grassi ad un alcool più piccolo, come il metanolo.
Ed ecco la transesterificazione; non è un gioco di prestigio inventato da mago Silvan, come suggerirebbe il nome, si tratta solo di scambiare un alcool grosso e “ramificante” con uno piccolo e semplice.
Come si può vedere nello schema sopra, da una grande molecola di partenza se ne ottengono 3 più piccole (si tenga presente che le “-R” sono catene di 12/18 atomi di carbonio, quindi piuttosto lunghe).
Facciamolo in casa!
Qualcuno oltreoceano si fa il biodiesel in casa, seguendo proprio questa reazione e magari usando come materia prima, i trigliceridi che provengono da qualsiasi fonte, olio vegetale nuovo, olio fritto di cucina, grassi animali…
Insomma la cosa è sempre più interessante, oltre ad essere una fonte economica e pulita di energia, questo biodiesel permette di riciclare gli scarti alimentari grassi di cucina per fare del combustibile!
Siccome sono pigro e non volevo rispolverare le mie nozioni di chimica ho seguito pari pari le “ricette” trovate su un ottimo sito web che vi consiglio caldamente (è in inglese ma anche ha molte immagini chiare www.journeytoforever.org).
In concreto per la razione occorrono 3 molecole di alcool metilico (o etilico) per ogni molecola di trigliceride da trasformare e un po’ di catalizzatore (soda caustica) per promuovere la reazione.
Tradotto in misure a noi più familiari ci vorrebbe 0,1 litro di metanolo e circa 3,5g di soda caustica (NaOH) per ogni litro di olio fresco.
Ma siccome ogni reazione tende ad un equilibrio e noi vogliamo che tutto l’olio sia trasformato e non solo una parte si usa un eccesso di alcool per spingere la reazione verso la totale conversione.
Quindi la ricetta è :
- X litri di olio fresco
- 0,2*X litri di metanolo
- 3,5*X grammi di soda caustica
Volendo si può usare anche l’olio usato in cucina dopo la frittura, ma in tal caso va aggiunta una aliquota in più di catalizzatore per neutralizzare gli acidi grassi liberi,e va eliminata l’acqua e le scorie di cibo eventualmente presenti.
Tale aliquota si calcola con un metodo detto titolazione, per il quale vi rimando sempre al sito che vi ho segnalato sopra.
In linea di massima con olii non troppo usati la dose totale di NaOH è circa 6,25g per litro.

Siccome il metanolo non è facile da reperire, ed è soggetto a controlli, dopo gli avvelenamenti del vino di alcuni anni fa (il metanolo è un composto tossico per contatto e ingestione e va usato con le dovute cautele e precauzioni!), ho pensato che la cosa poteva essere più semplice usando il comune etanolo (il classico alcool rosa che usiamo tutti per disinfettare e pulire).
L’etanolo è inoltre di origine biologica e non è tossico come il metanolo, si trova ovunque e non ha particolari precauzioni d’uso, se non quelle che già conosciamo per esperienza comune.
Come al solito però c’è un rovescio della medaglia: l’alcool deve essere assolutamente anidro (quindi quello a 90° e 95° gradi non vanno bene, pena l’insuccesso) perché l’acqua parassita la reazione, bloccandola, e promuovendo una reazione di saponificazione manda tutto a monte.
Quindi bisogna procurarsi dell’alcool etilico assoluto (99,9%) che è più difficile da trovare e costa

più caro.Una volta trovato bisogna usare più catalizzatore (7g/litro di olio contro i 3,5g/litro per il metanolo); ci vuole anche una maggiore quantità di alcool (27,5% contro il 20% dell’olio con il metanolo).
Le modalità di processo prevedono che prima si mescoli l’alcool con il catalizzatore, avviando la reazione tra i due, che forma un intermedio reattivo (il metossido di sodio, o l’etossido a seconda dell’alcool). Successivamente si uniscono il metossido e l’olio, a una temperatura tra i 35 e i 60°C (optimum a 45-50°C) agitando il tutto per circa un’ora.
I miei esperimenti in cucina per la gioia della nonna
Per cominciare, mi sono procurato gli ingredienti: olio di semi del discount, alcool etilico al 99,9 % e soda caustica granulare da un colorificio.
Ho comprato un fornelletto elettrico, una bilancetta da cucina precisa al grammo, e ho recuperato una vecchia pentola in disuso della capienza si circa 3 litri e un trapano.
Ho effettuato prove su un litro alla volta per non fare inutili e scoraggianti sprechi, quindi ho mescolato circa 275cc di alcool etilico (CH3-CH2-OH) con 7g di NaOH fino a completa dissoluzione.
A parte ho messo la pentola a scaldare sul fornelletto con un litro di olio di semi, e raggiunti i 50°C (ossia la temperatura di un termosifone più o meno) ho aggiunto l’etossido
.
agitazione della miscela
Subito la miscela si intorbidisce e diventa di colore scuro, bisogna tenerla agitata per un’ora (ho usato un trapano su una colonnina, con un perno e una rondella saldata come agitatore).
Alla fine ho spento fornelletto e agitatore, e dopo poco si poteva già constatare la sedimentazione della glicerina densa e scura sul fondo, mentre la fase superiore era molto più chiara e liquida.
Insomma la reazione è riuscita! Basta lasciare riposare qualche ora per la completa separazione.
Se si dispone di un recipiente con un rubinetto in fondo si può far defluire prima la glicerina, e dopo l’estere prodotto.
A questo punto basta effettuare un lavaggio con acqua (meglio in tre cicli) per asportare saponi
,
separazione glicerina-biodiesel
residui di alcool e soda dall’estere, e dopo una decantazione di alcune ore il biodiesel diventa limpido e “pulito” e si può usare come combustibile.
Ho effettuato prove con quantità maggiori di reagenti, usando sia metanolo che etanolo, sia olio nuovo che olio usato per friggere. Bisogna essere precisi e attenti nelle varie fasi, o si rischia di
ottenere degli insuccessi, reazioni che non avvengono, o si fermano a metà (mono e di gliceridi)
o attendere invano la separazione di glicerina che non avviene mai(= qualcosa non ha funzionato).
Tenete presente che usando alcool etilico tutta l’operazione è più impegnativa, sia in termini economici, che in termini di cura dei particolari e tempo dedicato, per contro vi ripaga con una minore probabilità di successo (è proprio un ingrato!).
Per i lavaggi con acqua ho usato una botticella con una pompetta per acquari che soffia aria nell’acqua mischiata all’estere da lavare (rapporto acqua/estere ¼).
L’importanza del lavaggio
Ci tengo a precisare che il lavaggio del biodiesel prodotto è una fase che potrebbe sembrare superflua ma è invece essenziale.
Questo perché alla fine della reazione rimangono disciolte tracce di sostanze poco raccomandabili per la salute del motore (acidi grassi liberi, mono e di gliceridi, saponi, metanolo e soda caustica…).
Ci sono probabilmente diversi modo per farlo, io ho provato con successo quello che qui descrivo.
Mi sono procurato una botticella di plastica (HDPE) da 50litri con un rubinetto in fondo, una pompetta da acquari per soffiare aria, e relativa tubazione e erogatore.
Ho messo il biodiesel da lavare nella botticella 30 litri alla volta e ho aggiunto 10 litri di acqua.
A questo punto ho lasciato gorgogliare l’aria nell’acqua (che si trova in fondo, essendo più pesante) in modo da creare un continuo rimescolio tra acqua tirata su dall’aria e biodiesel da lavare.
Dopo qualche ora ho lasciato decantare l’acqua (che diventava biancastra) per circa 8 ore e la facevo defluire a sedimentazione completata.
Ho ripetuto il trattamento 3 vote, fino ad ottenere che l’acqua di lavaggio rimanesse pulita, quindi lasciavo riposare il biodiesel lavato per qualche giorno (subito è torbido, poi torna limpido).
In questo modo il prodotto è pronto, si potrebbe misurare il pH per essere sicuri che non ci siano più residui di soda, ma io non l’ho fatto, non avendo gli strumenti.
La prova del nove, la mia macchinina TDI
Alla fine mi sono fatto coraggio e ho buttato nel serbatoio la “pozione magica”.
Prima pochi litri nella riserva di gasolio rimasta, tanto per abituare il sistema, poi biodiesel puro al 100%.
Che dire, dopo lo stupore di sentire girare il motore perfettamente, e in modo più silenzioso e rotondo, ho provato la soddisfazione di constatare che le prestazioni erano allineate con quelle ottenute a gasolio, ma con un motore più fluido e piacevole. La cosa più entusiasmante è stato andare dietro l’auto col motore acceso e constatare che dallo scarico usciva “aria calda”, senza odore, e che nelle accelerate più profonde in 3° marcia era completamente assente la classica fumatina del turbodiesel (particolarmente evidente di notte con i fari delle altre vetture dietro).
Sono riuscito a produrre una 60ina di litri di metilestere e etilestere, sia di olio usato che nuovo,
con cui ho percorso più di 1000 chilometri senza inconvenienti di alcun tipo in percorsi di ogni tipo.
I consumi sono stati ottimi, la mia auto ha reso circa 20km/litro di biodiesel (motore VW 1.4 TDI 3 cilindri)
Il rovescio della medaglia
In tutto questo panorama idilliaco c’è però un rovescio della medaglia.

L’operazione non è così economica come potrebbe sembrare, per cui il biodiesel viene a costare
come il gasolio della pompa o poco meno. Ho fatto questo esperimento spinto dalla voglia di inquinare meno, provando una fonte di energia alternativa e rinnovabile. Se l’unica motivazione fosse stata di natura economica avrei fatto meglio a lasciare perdere in partenza.
La cosa più grave è che usando un carburante “fai da te” di qualsivoglia natura non ci si pagano le accise (che sarebbero le tasse sui carburanti), per cui, anche se animati dai migliori propositi,
si è a tutti gli effetti degli evasori fiscali, che è un reato perseguibile e quindi questa pratica è illegale.
Inutile dire che se solo fosse possibile reperire il biodiesel alle pompe il problema sarebbe risolto,
e siccome dopo averlo provato è avvilente riabituarsi al fetido gasolio e al motore più “ruvido”,
spero vivamente che qualcosa si muova per promuovere una via lecita e percorribile per questa
pregevole e sostenibile risorsa energetica.

martedì 6 dicembre 2011

PROVE DI PRESEPE

Anche quest'anno è arrivato il momento più magico dell'anno.... l'attuale situazione politica, non lascia nulla di cui rallegrarsi, ma questo non significa che il Natale debba rimanere chiuso in uno scatolone in attesa di momenti migliori..... come per tutti, anche per me questo Natale e il 2012 che sta arrivando è denso di incognite e preoccupazioni, ma questo non significa arrendersi, addobberò il mio albero , preparerò il mio presepe e anche se quest'anno ci saranno meno regali, cercherò di vivere al meglio queste momenti.
L'importante non è quanti e quali regali arriveranno, ma COME trascorreremo queste giornate, gli ingredienti indispensabili non mancano, la famiglia e gli amici ci sono sempre, ed è con loro che la magia si deve realizzare, ma l'amore e l'amicizia da soli non bastano, come in una ricetta ogni ingrediente va dosato e calcolato e noi oggi siamo un pò questi nuovi personaggi che presto entreranno nel mio presepe, gente di tutti i giorni, poveri e ricchi che se messi al posto giusto sapranno ricreare quell'atmosfera che ogni anno ci fa sognare i momenti più belli  

NATALE 2011

Viste le ultime notizie sulla stangata , o manovra di salvataggio come amano dire i nostri politici, anche questo Natale sarà in rosso, peccato che il rosso non è il rosso natalizio che evoca calore e serenità , ma sarà il colore dei nostri conti in banca, è un Natale difficile ma io non mi arrendo..... anche questo Natale passerà e anche questo governo, come tutti quelli che l'anno preceduto farà la sua stessa fine........

mercoledì 12 ottobre 2011

MARE E LAGHI

in teoria avrei di che consolarmi, i miei laghi sono come dei piccoli mari, però .......




.....non sono esattamente la stessa cosa, sarà che con la scusa che abito in zona , per i laghi ho quasi raggiunto una forma di assuefazione, ma il mare ha un fascino tutto suo che non riesco a dimenticare


mercoledì 5 ottobre 2011

240-05

RITORNO DAL PASSATO 
una vecchia signora potrà presto ricominciare le sue lunghe passeggiate per la gioia di turisti ed appassionati.
un grazie a chi, con faticosi restauri , riesce a far rivivere il nostro passato facendo conoscere queste bellissime locomotive

lunedì 3 ottobre 2011

TELEVISIONE 3D

l'innovazione e l'introduzione di nuove tecnologie stanno portando nelle nostre case apparecchi sempre più sofisticati.........speriamo che non lo diventino troppo !
video

sabato 1 ottobre 2011

PIOGGIA DI METEORITI OTTOBRE 2011

LE DRACONIDI DI OTTOBRE
GIORNO 8 IN ARRIVO UNA PIOGGIA DI METEORITI
le scariche elettrostatiche potrebbero mettere in pericolo i componenti elettronici dei satelliti in orbita che forniscono il segnale GPS (navigatori satellitari) e alle TV satellitari, potrebbero inoltre, provocare dei malfunzionamenti alle strumentazioni della stazione orbitante e al telescopio spaziale HUBBLE . 
Per questo motivo, la NASA tenterà di modificare la rotta dei satelliti più importanti per evitare gli eventuali danni che potrebbero essere provocati dall'evento.
L'unico pericolo per noi, sarà quello di vedere disturbi sulla TV satellitare , suoi nostri navigatori satellitari e non è da escludere qualche difficoltà con le comunicazioni telefoniche , o con la navigazione in internet in quei luoghi in cui il segnale arriva direttamente dai satelliti in orbita.
Niente scenari apocalittici, dunque , ma un'occasione in più per staccarci dai nostri abituali impegni serali e godersi una pioggia di stelle cadenti.

per chi volesse saperne di più ecco un link interessante:





Leggi tutto:http://www.foggiatoday.it/cronaca/stelle-cadenti-8-ottobre-2011-meteoriti-foggia.html
Diventa fan:http://www.facebook.com/FoggiaToday

venerdì 30 settembre 2011

ULTIMA SPIAGGIA

Anche quest'anno le ferie sono finite, dopo un'estate turbinosa densa d'impegni, finalmente torna placido l'autunno coi suoi colori tenui e i ricordi non ancora sbiaditi di un'estate vissuta intensamente....




un ultimo sguardo alla spiaggia prima di ripartire pensando già alla prossima estate.....

mercoledì 27 aprile 2011

FUSIONE AZIENDALE

anche in azienda le cose si complicano.... la fusione con un altra società , nuovo incarichi e nuovi progetti.... anche il tempo per pranzare è diminuito, ma  a questo c'è rimedio.... un bel computer a microonde....

sabato 23 aprile 2011

martedì 19 aprile 2011

VITA ALL'ARIA APERTA

finalmente le prime giornate di sole ci consentiranno scampagnate e gite nelle bellissime campagne che circondano le nostre città....sarà bello sentirsi liberi ed in libertà....ma non saremo i soli .... anche altri avranno voglia di sentirsi liberi.... quindi prudenza e rispetto  ^_^ 

sabato 16 aprile 2011

WEEKEND COL TURBO

sarà un weekend veloce
 .......veloce come tutte le cose belle che passano sempre troppo in fretta....  ^_^

sabato 9 aprile 2011

OSPITALITA'

con le prime giornate di sole arriva la voglia di qualche scampagnata all'aperto....ma ricordate che nel bosco i padroni non siete voi.......

venerdì 1 aprile 2011

BUON WEEKEND

finalmente la bella stagione sta arrivando, piano piano le giornate riprendono calore e la natura si risveglia....sarà anche vero che una rondine non fa primavera , ma quando sono tante è già primavera !

martedì 29 marzo 2011

BACCHETTE CINESI

chi ha detto che mangiare con le bacchette come fanno i cinesi è difficile ?  ^_^

domenica 27 marzo 2011

NUMERO SBAGLIATO

a volte basta poco per sbagliare , si parte pieni di buona volontà, ci si mette tutto l'impegno di questo mondo, poi basta una piccola ed insignificante distrazione per combinare un disastro, da domani ricomincia una nuova settimana e come tutte le settimane domani è ancora lunedì !
"occhi aperti !" e Buon Inizio Settimana

venerdì 25 marzo 2011

FUTURO STRADALE

stiamo vivendo un periodo di confusione sociale come non era mai accaduto, l'immigrazione di massa porta nuovi costumi e modi di affrontare le necessità di ogni giorno, non so cosa accadrà nei prossimi anni ma spero vivamente di non vedermi superare da un ciclomotore come questo mentre sono incolonnato ad un semaforo....... 

martedì 22 marzo 2011

AMICIZIE PASSATE

fa caldo, l'afa è opprimente , sento il sudore che mi cola lungo il collo, è una brutta sensazione , spesso il sudore non riesce ad asciugarsi e si gela addosso col freddo della notte.
Mi sto diringendo verso il mare, quanti ricordi....da ragazzo mi ci recavo spesso in vacanza, avevamo fatto amicizia con ragazzi del luogo ma superato il primo attimo di diffidenza l'allegria prese presto il sopravvento, furono giornate bellissime , passammo giorni alternando nuotate ad interminabili partite di pallone, ma il meglio erano le serate , i miei amici vivevano con le loro famiglie nelle casette sulla spiaggia , erano figli di pescatori ed alla sera le grigliate di pesce e la musica a tutto volume riempivano le ore di noi ragazzi .
Molto spesso dopo le ore passate in allegria i nostri discorsi diventavano improvvisamente seri quando si parlava del futuro, per noi ragazzi di città era facile parlare dei grandi progetti , ma dai loro discorsi era chiaro che i figli di pescatori non potessero avere molte ambizioni per un futuro migliore dei loro padri, erano discorsi tristi , ma poi bastava una battuta e l'allegria tornava padrona di quel gruppo di ragazzi seduti in spiaggia.
Sono passati molti anni da allora, ed oggi il destino mi riporta in quello stesso luogo , per ironia della sorte il mio compagno di viaggio che sta guidando è uno degli amici con cui passai quelle bellissime vacanze........ecco ci siamo , dall' auricolare sento le istruzioni, premo un pulsante ed il computer di bordo mi fornisce tutte le indicazioni necessarie, guardo fuori per un'ultima volta e all'orizzonte vedo stagliarsi il profilo delle casette in riva al mare in cui tanti anni fa fui ospite per quelle favolose grigliate di pesce.......ma sono passati tanti anni , troppi, e molte cose sono cambiate , mi risiedo sul mio sedile e ricomincio a sudare..........arriva l'ordine , il computer mi da l'ko , premo un pulsante ed il 120 mm. del mio Merkava IV , tuona facendo tremare il mio Tank, è un'attimo un boato ed una vampata e le casette sulla spiaggia non ci sono più.
Dove saranno quei figli di pescatori con cui giocai........non lo , so solo che tra due giorni tornerò col mio reparto a Gerusalemme e chissà , forse uno dei missili kassan che cadono sulle nostre case è stato lanciato dalla stessa mano che tanti anni fa mi offrì del pesce.......maledetta guerra......
scritto da Silvershado

sabato 19 marzo 2011

giovedì 17 marzo 2011

RISPARMIO ENERGETICO

Computer, video 3D, aria condizionata, forni a microonde , cellulari ed un sacco di altre cose che ormai riteniamo indispensabili dipendono tutti da quel sottile raggio d'energia che ci raggiunge ovunque , senza elettricità le nostre città diverrebbero invivibili nel giro di pochi giorni, ospedali paralizzati, ascensori bloccati, trasporti immobilizzati , acquedotti e pompe di benzina fuori uso, sarebbe uno scenario spaventoso in cui noi uomini civilizzati e dotati di una  tecnologia in grado di farci arrivare sulla luna saremmo più deboli ed incapaci di un contadino del medioevo.....l'energia costa cara, non è infinita e ci rende estremamente vulnerabili davanti alle catastrofi naturali , la prossima volta che dimentichiamo una luce accesa pensiamoci, un giorno potrebbe diventare un lusso che non potremmo più permetterci 

RIFLESSIONI SULL'UNITA' D'ITALIA

a volte non posso fare a meno di pensare ai grandi uomini del passato che con la loro opera permisero l'unificazione dell'italia e la trasformazione del nostro paese in una nazione , Camillo Benso Conte di Cavour fu uno di essi e molto fece affinchè l'unità d'italia si realizzasse e a tal proposito scrisse 
L'Italia del Settentrione è fatta, non vi sono più né Lombardi, né Piemontesi, né Toscani, né Romagnoli, noi siamo tutti italiani; ma vi sono ancora i Napoletani. Oh! vi è molta corruzione nel loro paese. Non è colpa loro, povera gente: sono stati così mal governati! E quel briccone di Ferdinando! No, no, un governo così corruttore non può essere più restaurato: la Provvidenza non lo permetterà. Bisogna moralizzare il paese, educar l'infanzia e la gioventù, crear sale d'asilo, collegi militari: ma non si pensi di cambiare i Napoletani ingiuriandoli. Essi mi domandano impieghi, croci, promozioni. Bisogna che lavorino, che siano onesti, ed io darò loro croci, promozioni, decorazioni; ma soprattutto non lasciar passargliene una: l'impiegato non deve nemmeno esser sospettato. Niente stato d'assedio, nessun mezzo da governo assoluto. Tutti son capaci di governare con lo stato d'assedio. Io li governerò con la libertà, e mostrerò ciò che possono fare di quel bel paese dieci anni di libertà. In venti anni saranno le provincie più ricche d'Italia. No, niente stato d'assedio: ve lo raccomando. (citato da Giosuè Carducci in Lettere del Risorgimento Italiano.)
a quanto pare non sono bastati 150 di storia per sistemare le cose ....cos'hanno sbagliato i  tanti governanti e governi che si sono succeduti per oltre un secolo ?

martedì 15 marzo 2011

IL TEATRO DEL WEB

Purtroppo , non passa giorno senza trovarci tra i piedi personaggi simili, che forti della facile cultura del copia/incolla da wikipedia entrano di prepotenza nelle nostre discussioni  elucubrando teorie fantasiose o criticando chi invece ha competenza da vendere......entrano da sconosciuti ,si esaltano quando attirano l'attenzione e si offendono quando vengono contraddetti, ma la cultura è un seme profondo che richiede anni di cure per aprire i suoi frutti , frutti che diventano di tutti ma che rimangono di chi ne conserva le radici e sa riproporli con modestia e serenità, quindi non lasciamoci distrarre da chi si esibisce nei palchetti , perchè ogni sera quando lo spettacolo finisce e i riflettori si spengono, questi strani personaggi tornano nell'anonima oscurità da cui provengono mentre noi torneremo alle nostre cose con la soddisfazione di chi ogni giorno ha imparato qualcosa di nuovo

lunedì 14 marzo 2011

QUANDO IL MONDO VA IN MALORA

mi sento parte di questa umanità e con essa gioisco dei suoi successi ma a volte , quando crediamo di essere capaci di "dominare" l'ambiente in cui viviamo, pecchiamo di presunzione e la natura ci punisce con inaspettata violenza facendoci assistere impotenti alla distruzione delle nostre città ad opera di terremoti e maremoti..........

sabato 12 marzo 2011

SPORT PERICOLOSI

attenzione agli allenamenti casalinghi , un mossa sbagliata potrebbe farvi finire dove meno ve lo aspettate
video

martedì 8 marzo 2011

CIBO E SALUTE

una gita all'aria fresca, una trota appena pescata e una corsetta nei boschi rimettono tutti in forma .....inseguitori specialmente !!!!

lunedì 7 marzo 2011

TROPPA FIDUCIA

mai fidarsi delle apparenze ...... lasciare quello che si ha convinti che il nuovo sia migliore del vecchio è un rischio che qualche volta si paga a caro prezzo......

domenica 6 marzo 2011

DIETA

come cambiano i tempi , da bambino ero affascinato dalle vetrine dei negozi di giocattoli, da adolescente passavo le ore nei negozi di musica e da giovanotto le vetrine degli auto saloni  mi rubavano gli occhi....oggi sono a dieta e le vetrine che m'interessano sono ben altre...... ^_^

venerdì 4 marzo 2011

WEEKEND BAGNATO

il maltempo non se ne va e temo che questa sia l'unica strada possibile per il prossimo weekend.....

giovedì 3 marzo 2011

VOGLIA DI MARE

proprio ora che ci avviciniamo alla primavera arriva il cattivo tempo.....consoliamoci con qualche risata da spiaggia.... ^_^

martedì 1 marzo 2011

lunedì 28 febbraio 2011

WEB MANIA

ormai c'è un computer in ogni casa , il web riempie le sere di molti italiani e per molti sta diventando un vero e proprio vizio...... ecco un prezioso gadget che vi dissuaderà dal diventare web-dipendenti

sabato 26 febbraio 2011

la TELEFONATA

anni fa uno slogan pubblicitario della Telecom recitava una frase diventata famosa " una telefonata allunga la vita"......probabilmente in questo caso la compagnia telefonica non è la stessa...... !!

giovedì 24 febbraio 2011

ALIENI CATTIVI

gli alieni sono considerati da tutti come possessori di una tecnologia superiore e come tali generalmente sono temuti e rispettati..... ma se non fossero così grandi come crediamo ?   ^_^